Aggiunto al carrello

Passa al contenuto

Packaging alimentare sostenibile: le opportunità per puntare su imballaggi green

Packaging alimentare sostenibile: le opportunità per puntare su imballaggi green

Il food packaging sostenibile permette di ridurre la carbon footprint degli alimenti, con la possibilità di scegliere prodotti eco-friendly a basso impatto ambientale. L’imballaggio, infatti, contribuisce all’inquinamento e all’emissione di gas serra climalteranti, per questo motivo è importante privilegiare i prodotti con un packaging ecosostenibile.

Grazie all’innovazione tecnologica è possibile compiere scelte socialmente responsabili, favorendo le aziende attente alle tematiche green e alla tutela del pianeta. L’obiettivo è ottenere una filiera 100% plastic-free, in grado di garantire la massima sicurezza alimentare e l’azzeramento dell’impronta ecologica degli imballaggi nel settore food & beverage.



Cosa sono gli imballaggi alimentari sostenibili

Il packaging alimentare deve rispettare rigide norme di sicurezza, per evitare contaminazioni dei prodotti e assicurare una corretta conservazione dei cibi. Nell’industria alimentare sono stati utilizzati per anni imballaggi in plastica, soluzioni economiche e semplici per il confezionamento degli alimenti, tuttavia questi prodotti hanno un elevato impatto ambientale.

Le conseguenze sull’ecosistema sono considerevoli, dall’inquinamento dei mari e delle falde all’emissione di grandi quantità di gas serra per la produzione e lo smaltimento di questi prodotti. Con gli imballaggi sostenibili è possibile adottare alternative green, usando soluzioni naturali, biodegradabili e 100% riciclabili per il confezionamento degli alimenti.

Con l’evoluzione biotecnologica imprese e ricercatori stanno cercando opzioni più ecologiche per un packaging alimentare innovativo, con lo studio di nuovi materiali e soluzioni avanzate come gli imballaggi attivi. Si tratta di confezioni specifiche per i prodotti ortofrutticoli, in grado di rallentare il deperimento degli alimenti tramite processi antimicrobici.


Tipi di packaging ecosostenibile per alimenti

Tante aziende attente all’ambiente propongono un packaging naturale per alimenti di alta qualità, con il quale diminuire l’intera carbon footprint dell’imballaggio senza compromettere la sicurezza alimentare dei consumatori. Vediamo quali sono alcune delle soluzioni migliori per le confezioni green dei prodotti.


Borse e sacchetti di carta certificata

Certificazioni internazionali, come la PEFC e la FSC (Forest Stewardship Council), garantiscono il rispetto di elevati standard ambientali, economici e sociali, per attestare che la carta utilizzata provenga da foreste gestite in modo sostenibile e responsabile. Ciò comprende anche i diritti delle comunità che vivono all’interno delle zone forestali, per tutelare non solo il pianeta ma anche le popolazioni più vulnerabili.

Con borse e sacchetti di carta certificata è possibile ottenere un packaging green, un imballaggio riciclabile e compostabile 100% ecologico perfetto per l’economia circolare. Ad esempio, nell’e-commerce di Pensoinverde puoi trovare prodotti con packaging compostabile come le capsule del caffè ecosostenibili, oppure le cialde di caffè biodegradabili naturali e senza pesticidi.


Packaging bio food in PLA

Una soluzione naturale per l’imballaggio degli alimenti è il packaging bio food in PLA, una plastica biodegradabile realizzata dall’amido di mais. Si tratta di un’eccellente alternativa plastic-free, in quanto è ricavata da materie vegetali a basso impatto ambientale, evitando l’inquinamento delle acque e del suolo.

Le confezioni in PLA si decompongono in materia organica dopo l’utilizzo, fornendo nutrimento all’ambiente per contribuire al ciclo del carbonio durante tutta la vita utile del prodotto. Questo materiale viene usato per l’imballaggio di cibi o bevande fredde, richiede basse quantità di energia per la produzione e non genera rifiuti solidi.


Imballaggio green in CPLA

Se il packaging sostenibile in PLA viene impiegato per gli alimenti freddi, per i cibi caldi è possibile utilizzare il CPLA, un materiale ricavato sempre dall’amido di mais ma trattato con un processo di cristallizzazione. In questo modo, si mantiene inalterata l’origine naturale della confezione, tuttavia si aumenta la capacità di resistenza al calore del prodotto.

Il CPLA è un packaging ecologico in grado di sopportare una temperatura fino a 80-85 gradi centigradi, ed è molto apprezzato per il food delivery e i cibi del take away. Si può adoperare anche per la produzione di posate naturali, da utilizzare al posto delle posate di plastica monouso, con uno smaltimento compostabile e biodegradabile.


Packaging ecosostenibile in bagassa

La bagassa è un composto biodegradabile ottenuto dalla polpa della canna da zucchero, sfruttando non la materia prima ma gli scarti di lavorazione. Questo aspetto è fondamentale, per ottimizzare i cicli produttivi e promuovere un uso più sostenibile delle risorse vegetali per azzerare gli sprechi.

Sul mercato viene considerato un’alternativa agli imballaggi in polistirolo, per questo motivo viene adoperato spesso dai fast food e per i prodotti alimentari nei servizi di food delivery. Il packaging in bagassa è compostabile, resistente alle basse temperature e al congelamento, inoltre si può utilizzare anche nel forno a microonde.


L’evoluzione del packaging ecosostenibile con il biodesign

Nel settore del packaging la sostenibilità è ricercata attraverso il biodesign, una nuova frontiera per studiare imballaggi green con una bassa carbon footprint. I progetti coinvolgono esperti di vari ambiti, tra cui ricercatori, imprese, biologici e designer, adottando un approccio multidisciplinare per mettere a punto soluzioni più ecologiche per il confezionamento dei prodotti alimentari.

Tra le innovazioni più promettenti ci sono gli imballaggi in cotone naturale, oppure le pellicole per alimenti a base di alghe. Uno dei campi di ricerca più gettonati oggi è quello del packaging edibile, realizzato attraverso materiali commestibili.

Questi materiali sono completamente biodegradabili e compostabili, inoltre in alcuni casi possono anche consumati con il prodotto alimentare, un’opzione zero waste a impatto ambientale nullo. Gli imballaggi edibili sono prodotti con sostanze cellulose, amido, glutine o proteine del latte, alle quali vengono aggiunti composti naturali come il glicerolo o il sorbitolo.


Perché è importante scegliere prodotti con un packaging eco-friendly?

Con le proprie scelte è possibile influenzare il mercato, spingendo le aziende ad utilizzare imballaggi naturali ed ecosostenibili per i loro prodotti. Questo cambio di mentalità consente di ridurre l’impronta di carbonio legata alle proprie scelte di consumo in ambito alimentare, supportando la causa ambientale in modo semplice ed efficace.

L’uso di materiali green per il confezionamento dei prodotti garantisce diversi vantaggi importanti:

  • Riduzione dei rifiuti da smaltire in discarica;
  • Minore utilizzo di risorse primarie;
  • Diminuzione dello sfruttamento del suolo;
  • Taglio delle emissioni inquinanti;
  • Maggiore riciclo degli imballaggi;
  • Creazione di modelli virtuosi zero-rifiuti;
  • Riutilizzo degli scarti di altre lavorazioni;
  • Promozione del consumo alimentare responsabile.

Nello shop online di Pensoinverde proponiamo una sezione di prodotti food eco-friendly, realizzati con un packaging sostenibile per promuovere una cultura zero-waste. Si tratta di prodotti realizzati da aziende italiane con ingredienti naturali, per sostenere la filiera corta e garantire la massima qualità dal punto di vista nutrizionale e ambientale.

icona-piantumazione.png

Piantumazione

Piantiamo 1 albero ad ogni ordine

icona-packaging-sostenibile.png

Packaging sostenibile

I nostri imballi sono di carta riciclata

icona-server-zero-co2.png

Server zero Co2

Il nostro server è ad emissioni 0