website
Passa al contenuto

Come scegliere il colore del fondotinta

Sono molte le donne che iniziano la giornata includendo nella loro beauty routine una seduta di make-up davanti allo specchio.

Il trucco è, infatti, un prezioso alleato per valorizzare i propri tratti, per eliminare le imperfezioni e rendere la pelle più luminosa e il volto più affascinante. Tuttavia è fondamentale scegliere i prodotti adatti affinché l’effetto complessivo sia armonioso e coerente: bisogna scegliere le giuste nuances, texture compatibili con il tipo di pelle, prodotti di qualità.

È fondamentale evitare di commettere errori, infatti può risultare molto comune scegliere un fondo tinta o una BB cream completamente inadatti alla propria carnagione e alle caratteristiche cutanee del viso.

Ma come scegliere fondotinta giusti così da evitare l’antiestetica linea che viene a formarsi quando il colore del prodotto è completamente differente da quello naturale e così da impedire l’apparire dell’effetto lucido e catarifrangente? Scegliere il fondotinta giusto è importante per rendere credibile il risultato finale e non rischiare di appesantire i tratti e dare una sfumatura poco elegante al volto.

In quanto al colore del fondotinta, come scegliere il proprio? Innanzitutto, bisogna partire dal presupposto che un cosmetico può essere di ottima qualità e, quindi, consigliabile, ma può avere degli effetti non adatti a qualsiasi persona. Dunque, per scegliere il fondotinta perfetto non è possibile basarsi sull’efficacia che un prodotto può dimostrare sul volto di un’altra persona, ma è necessario rintracciare quello che rispetti l’aspetto della pelle del viso senza comprometterne la bellezza, ma, anzi, esaltandola.


primo piano su un pennello e un fondotinta fluido

La scelta fondotinta deve essere il risultato di un’analisi approfondita delle caratteristiche della singola persona, soffermandosi sul fatto che si può andare a lavorare su una pelle grassa, secca, mista o afflitta da particolari disturbi come l’acne. Bisogna tenere conto anche della couperose, dei punti neri o se siano presenti segni distintivi che si è intenzionati a coprire o ad ammortizzare.

La scelta del fondotinta, infatti, può essere finalizzata anche alla copertura di elementi sul viso che vengono percepiti come difetti o imperfezioni, ma sbagliando il prodotto si rischia di sottolinearli ancora di più, piuttosto che supportare il tentativo di smorzarli.

Quale fondotinta scegliere, inoltre, se si vuole optare per prodotti green che rispettino l’ambiente, siano realizzati con ingredienti naturali, non siano sintetizzati in laboratorio e siano cruelty free? E come va scelto il fondotinta, invece, per quanto riguarda l’età?

Non bisogna dimenticare, infatti, che la scelta del fondotinta make up varia anche in base agli anni della persona: l’intervento sulla pelle deve dare dei risultati diversi poiché più l’età avanza più aumentano le necessità della pelle, influenzate dall’avvento delle rughe e delle macchie e da altri disturbi legati allo scorrere del tempo.

La scelta del colore del fondotinta resta centrale a prescindere da tutti i fattori presi in esame: sbagliare la tonalità significa rovinare il trucco nella sua globalità. Per questo la decisione deve avvenire correttamente ed è bene conoscere la vasta gamma di tonalità che il mercato della cosmesi offre.


focus su fondotinta minerali in differenti tonalità

È quindi senza dubbio importante tenere conto del fatto che al giorno d’oggi è possibile trovare un’ampia proposta di prodotti naturali, in grado di rispettare al meglio sia le caratteristiche della pelle sia l’ambiente.

Noi di Pensoinverde, a questo proposito, proponiamo fondotinta bio selezionati esclusivamente tra proposte che non occludano i pori e che non contengano elementi che possono essere nocivi per la pelle o la natura.


Scelta del fondotinta in base al sottotono

È, dunque, chiaro che la scelta del fondotinta secondo la pelle e l'età è alla base dell’acquisto di un prodotto efficace. Partendo dal colore della propria pelle si può scegliere un fondotinta che sia tono su tono oppure, in alcuni casi, è consigliabile uno che sia leggermente più chiaro.

Ciò che è altamente sconsigliato è di selezionarne uno che sia più scuro nel tentativo di dare un aspetto più colorito e abbronzato alla pelle, rischiando, invece, di dar vita ad un effetto sgradevole, sottolineando imperfezioni e punti in cui l’epidermide non è compatta e di appesantire l’esito del make-up.

Per il fondotinta scelta sottotono è importantissima: c’è, infatti, quello caldo consigliato per chi abbia una pelle più olivastra e su cui le vene evidenti tendano al verde; c’è quello freddo che è caratterizzato da una pelle diafana con venature violacee; c’è, infine, quello neutro, con carnagione chiara e vene blu.

Partendo da questa classificazione si sceglierà un fondotinta beige come il fondotinta Flat perfection tan warm o tan neutral di Neve Cosmetics oppure più rosato come il fondotinta Flat perfection light rose sempre di Neve Cosmetics.

In alternativa, è possibile orientarsi verso una sfumatura più tendente al marrone, come il fondotinta Flat perfection dark warm proposto dallo stesso marchio. In ogni caso andrà evitato qualsiasi effetto “mascherone” o da incarnato settecentesco.


focus su differenti tonalità e texture di fondotinta

La texture, invece, va adeguata all’età: un cosmetico più cremoso e corposo è più utile su una pelle age, mentre la pelle giovane può essere trattata anche con prodotti più delicati, come i fondotinta in polvere high coverage di Neve Cosmetics, che coprono le piccole imperfezioni in maniera efficace senza appesantire l’epidermide; è, inoltre, adatto a chi presenti una pelle grassa e che tende a lucidarsi.

Un’alternativa può essere un fondotinta liquido come i Fondotinta liquidi Sublime Drop Foundation di puroBIO, disponibili anche online sul nostro shop, oppure uno fluido come quello testato da Avril. Molto semplice da applicare è il fondotinta compatto, che può essere picchiettato con una spugnetta rapidamente e senza che ci sia bisogno di un particolare lavoro di stesura.

Il livello di copertura può essere leggero, medio o alto in base alle necessità del singolo individuo: due persone con lo stesso sottotono possono aver bisogno di due texture diverse perché presentano due tipi di pelle completamente differenti.

Infine, è importante anche considerare la durata e scegliere un long-lasting laddove il trucco debba mantenersi intatto per tutta la giornata. È bene ricordare che l’applicazione di un primer come Bioprimer Mattifying o Bioprimer Brightening di Neve Cosmetics sia molto utile per permettere al fondotinta di aderire in profondità e di durare più a lungo.

Articoli correlati

Maschere naturali per capelli: tipologie
Maschere naturali per capelli: tipologie
In una hair routine completamente green non può mancare un trattamento a base di maschere naturali bio per capelli, u...
Scopri di più
Qual è la differenza tra bb cream e fondotinta
Qual è la differenza tra bb cream e fondotinta
I prodotti offerti dal mercato del make up sono sempre più numerosi: sono tantissime le donne che si truccano quotidi...
Scopri di più
Sapone di Aleppo: cos’è e benefici
Sapone di Aleppo: cos’è e benefici
Il sapone di Aleppo, dal nome della città siriana da cui anticamente ha avuto origine, è noto sin dal 2800 A.C. per l...
Scopri di più
Dentifricio senza fluoro: tutto quello da sapere
Dentifricio senza fluoro: tutto quello da sapere
Avere un bel sorriso è sinonimo di benessere, ma per avere denti sani è importante scegliere il dentifricio giusto. U...
Scopri di più

Piantumazione

Sosteniamo la riforestazione per contrastare la crisi climatica

Packaging sostenibile

I nostri imballi sono di carta riciclata

Apiario PIV

Proteggiamo le api e la biodiversità terrestre in Italia

Server zero Co2

Il nostro server è ad emissioni 0